620*80    VUOI QUESTO SPAZIO?

Quando il piano è di non pagare l’affitto

torna a inizio “morosi è poco

Che accade quando concedi la tua casa ad un inquilino furbo? Inciampi e ci resti molto male.

Procurarsi una casa gratis per anni, protetti e assistiti dalla Legge? In Italia si può.

Distinguiamo subito fra situazioni impreviste (nella vita può accadere di ritrovarsi in momenti difficili) e i troppo frequenti casi di truffa  premeditata. Nel caso che tu inciampassi nell’inquilino furbo e truffatore, i passi possono riassumersi così:

 

  • Inizialmente si presenta benissimo, è gentile, premuroso, affabile, ti presenta una folta serie di garanzie a proprio favore, ottiene il contratto di affitto e per due – tre mesi te lo paga regolarmente.
  • Questo finchè ottiene la residenza e relativi diritti sociali per i suoi congiunti, poi smette di pagare. Va detto anche che, disponga o meno di un regolare contratto di affitto, per iscrivere la residenza nel tuo immobile gli basterà chiamare i Vigili Urbani e farsi trovare nella tua casa, a prescindere da come la occupa. Il che in mia opinione è ingiusto.
  • Ora caro proprietario per te iniziano i guai seri, perchè se lui è veramente un furbo truffatore riuscirà con ogni tipo di menzogna a strapparti più tempo possibile, spergiurando, promettendo e disonorando qualsiasi impegno.  Finché ti porterà alla precisa e netta esasperazione. Provare per credere.
  • Nell’impossibilità di “toglierlo di mezzo”, mentre lui se la ride alle tue spalle, a te resterà solo l’azione legale. Lui se la ride, perché sa bene che se ha già goduto della tua casa gratis per molti e molti mesi, prima che qualcuno riesca a sbatterlo fuori ne potranno passare anche molti e molti altri. Piano riuscito, truffa piazzata: una casa gratis per anni, ma non solo!
  • Per te, caro proprietario, fin qui solo doveri, rabbia e beffe. Mancati guadagni,  tasse, spese di amministrazione, spese legali e danni. Si, perché se e quando potrai ottenere il tuo immobile libero, te lo ritroverai distrutto.
  • Dopo molti e molti mesi riuscirai finalmente ad acquistare dal Sistema Giudiziario una sentenza a tuo favore. (Dico acquistare perché le cause costano molto, quindi otterrai Giustizia solo se la paghi) Ma lui, pur condannato, rimane li, non si schioda, non paga, non pagherà, non la pagherà.

Ma come… Ma il Giudice ha detto che … Ma io ho vinto la causa … Ma la sentenza (ne dovrai pagare anche la registrazione) dice che … Non basta ancora, lui non si schioda e non risponde a nessuno. Lui può farlo e ne ha convenienza, tu no.

Magari nel frattempo il poverino, pur nullatenente, indigente e senza lavoro (spesso si guarda bene dal trovarne uno regolare) ha messo al mondo anche un altro paio di figli. Perché? Perché gli conviene: più saprà rendere il caso disperato e più aiuti, favori e sussidi riuscirà a strappare anche alla collettività, mentre ti sta rubando la casa.

Se tutto va bene interverrà l’Ufficiale Giudiziario, una, due, tre volte o più (a discrezione) con mesi di tempo fra ogni accesso e alla fine, forse, dovrà intervenire la Forza Pubblica, pagherai un fabbro che sfonda la porta di casa tua (porta di cui lui probabilmente avrà cambiato la chiave) e tu potrai finalmente rientrare in possesso della tua casa, quasi sempre distrutta.  La povera “sfortunata famiglia” sarà coccolata e mantenuta dall’ Assistenza Sociale, e il Comune di residenza dovrà trovargli e assegnargli anche una casa. Certo, più il caso è disperato, più figli avranno messo al mondo e più sale la sua graduatoria al diritto di assistenza.

Morale?

1) Tu fra fisco, vigili, carabinieri, avvocati, giudici, sindaci, assistenti sociali e artigiani ti ritrovi a sbattere la testa in un recinto di gomma, esasperato, cornuto e mazziato.  Perchè la colpa non è certo di ogni singola encomiabile figura e Arma di cui sopra, ma di un Sistema costruito ad arte per un fine ben diverso dal Buon Senso comune.  A te intuire da chi e perchè.

2) Resta però che questo Sistema finisce di fatto per premiare i truffatori, prima a danno del privato, e poi a spese della Collettività e che, pur in forma civile, è ben passato il momento di scardinarne le evidenti aberrazioni.

Ripeto, i casi di reale necessità sono tutta un’altra storia, ma per quanto riguarda la tua proprietà privata e i tuoi interessi … cambia poi molto? In mia esperienza purtroppo no.

 

torna a inizio “morosi è poco

Leave a Reply