realprosecco.it

Referendum Veneto: vuoi che al Veneto siano attribuite forme particolari di autonomia?

leon

Sei Veneto? Che tu sia leghista, dem, 5Stelle o anche anarchico poco importa, il 22 ottobre vota come ti pare, ma “se no te va votàr te magno”.

La domanda è semplice (vuoi più Autonomia per il Veneto?) le possibili risposte sono SI o NO, per consentire ai veneti di esprimersi è servito vincere una causa contro una controparte che pretendeva di soffocare questa consultazione: lo stato.
Bene, la Corte Costituzionale ha sentenziato che tale tentativo soffocante non è legittimo e quindi il referendum è legittimo e si farà.

Lascia perdere i motivi di principio, in realtà qui sono in ballo una ventina di miliardi di euro di tasse venete, e due parti che vogliono potersele gestire come meglio credono.  Solo che dalla parte di chi le paga (i veneti) l’accusa appare chiara e dalle radici molto antiche e profonde; caro “stato”, già la legittimità dell’annessione risulta un tantino discutibile, ma se è certo e dimostrato che noi veneti sappiamo gestire virtuosamente le nostre tasse, altrettanto certo è che tu, caro “stato”, le vai sprecando in malo modo da decenni in tutto il Paese e troppo spesso per interessi di pochi, partiti inclusi.

Non si tratta di secessione, di bandiere, di partiti, di falsi principi o di privilegi, si tratterà di pretendere legittimamente di essere trattati in modo quanto più equiparabile ad altre Regioni a statuto speciale, si tratta di poter utilizzare di più  in Veneto le tasse dei veneti per servizi virtuosi ai veneti invece di lasciarle sprecare nei noti usuali modi com’è finora “stato”.

Servisse una ennesima prova è proprio questa: se uno stato pretende di soffocare perfino una consultazione popolare (e perde in giudizio) quello stato non siamo noi, è un participio passato, è una controparte sconfitta.
Stato è un valore alto, è altro.

Quindi se da veneto il 22 ottobre non sentirai il dovere di esprimerti e non ti recherai a votare o SI o NO, qualunque sia la tua fede o militanza politica, allora non sei veneto, sei altro.

 

Leave a Reply