realprosecco.it

Euro, non Euro, Euro, Non Euro…

Non sono affatto esperto di Leggi, ma sapendo leggere provo anche a pensare, poi qualche esperto mi correggerà.

Mi pongo domande precise:

L’avvento dell’Euro ha di fatto prodotto un qualche benessere per l’Italia? NO. Fin dal primo giorno, certo che no. Anzi, tutt’altro.

La necessaria cessione di Sovranità Monetaria ad organizzazioni esterne (BCE) ci ha forse riparato da attentati speculativi esterni migliorando il nostro benessere economico e sociale? NO.

Possiamo affermare che l’organizzazione europea abbia favorito a parità di condizioni tutti gli Stati Membri? No.

Di fatto, siamo mai stati opportunamente interpellati (referendum) nella scelta di un ordinamento comune che ha portato alcuni Stati alla disgrazia  mentre accresce i benefici di altri? No.

Credo che ogni norma si prefigga di produrre Benessere e Giustizia, inclusa la nostra Costituzione, il cui intento non può che essere dunque rivolto al maggior benessere possibile per noi Cittadini nel rispetto della libertà di chiunque: che cosa recita dunque la Costituzione  italiana?

(Costituzione – estratti)

Art.1 La sovranità appartiene al popolo.  (Anche quella Monetaria?)
Art.11 L’Italia consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo. (implicito o no che l’Italia debba quindi bocciare e sfavorire organizzazioni che ottengano risultati opposti?)
Art. 21 Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. (E meno male)
Art. 24 Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi. (siamo forse stati svenduti? E se si, da chi e a favore di chi? Certo è che non ci è stato per niente favorevole.)
Art. 50. Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle Camere per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessità. (è nostra necessità farci letteralmente strozzare dall’Euro e da regole di Commissioni che non abbiamo eletto?)
Art. 52. La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino. (Ce la stanno mangiando a suon di interessi mai più onorabili)
VIII La Costituzione dovrà essere fedelmente osservata come Legge fondamentale della Repubblica da tutti i cittadini e dagli organi dello Stato. (Ti sembra che sia stata rispettata?)

(Art.21 ) in premessa, il mio pensiero è questo:

gli intenti dell’ “Europa”, non solo in Italia, sono chiaramente falliti; i nostri interessi sono stati già ben lesi oltre misura, abbiamo il preciso dovere di difendere la nostra Patria da qualsiasi tipo di guerra, inclusa quella economica in corso.

Dopo questo nefasto quanto prematuro esperimento europeo, gestito peraltro da istituti finanziari privati (S.P.A.),  la petizione da rivolgere alle Camere è di indire un referendum che suggelli la chiara e schiacciante volontà dei Cittadini italiani di mantenere l’Euro, o verificare se invece intendano riportare la Sovranità Monetaria al nostro Ministero del Tesoro, fino a momenti diversi ed opportuni, purchè questa volta nel rispetto della nostra Costituzione e non per volontà quantomeno poco chiare e certamente malriuscite, se non perfino perseguibili.

Chissà  se questa [Petizione] diventerà presto un disegno vero e proprio, so solo che la firmerei.

 

 

 

 

Leave a Reply