realprosecco.it

Euro: fuggire è l’unica salvezza

C'era una volta, e ancora c'è, un gruppo di Nazioni libere che si impegnarono a fornire i propri soldi ad una Banca Centrale Privata chiamata BiCiE', perchè questa banca avrebbe così potuto prestarglieli se ne avessero avuto bisogno. Le Nazioni rinunciarono così a stampare le banconote a casa propria e firmarono un mega cambialone alla Banca, che li avrebbe stampati per loro e glieli avrebbe prestati come se fossero suoi. Era una Banca molto furba per poter prestare ciò che non possedeva e poi pretenderne la restituzione! Forse seppe abbindolare e servirsi di politici poco intelligenti o poco onesti, molto più interessati alle proprie poltrone che al bene delle Nazioni rappresentate.

Fattostà che una per una le Nazioni meno ricche, non potendo più stampare le proprie banconote come è normale che ogni Nazione libera possa fare, si ritrovarono inevitabilmente ad aver bisogno dei propri soldi e così la Banca li stampò, glieli prestò con gli interessi, gli impose come avrebbero dovuto usarli e perfino li costrinse a chiedere altri prestiti per ripagare un debito reso così inestinguibile. Finì che le Nazioni meno ricche persero la libertà, i soldi e perfino i propri beni; così furono sottomesse dalla Banca e anche da altre Nazioni sempre più ricche. Pochissimi vissero felici e contenti, molti rimasero intrappolati, infelici, poveri e pieni di debiti fino alla fine dei loro giorni. Altro che Cenerentola. Che ne pensano gli esperti?

 

John Maynard Keynes. L’austerità va praticata nelle fasi di espansione, non in quelle di crisi.

Il lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti: nel lungo termine siamo tutti morti.  v. wikipedia Keynes

christensen_2013 Lars Seier Christensen CEO investment Bank Danimarca. La crisi dell’Euro? Francamente, è un disastro totale che peggiora di giorno in giorno.
Joseph Stiglitz (Premio Nobel per l'Economia – ex v.Pres. Banca Mondiale) I funzionari europei stanno portando i Paesi nel caos applicando una austerità non sostenibile, paragonabile a un salasso medievale con sanguisughe. I primi a lasciare l'Euro ne usciranno meglio.    v. wikipedia chi è: Stiglitz
Jean-Paul Fitoussi (economista) L'austerità ha fallito negli anni 30 e ha messo il mondo in un grave pericolo che si è materializzato in forma di guerra. Ci sono i governi delle scelte e quelli delle regole: oggi siamo nel governo delle regole europee e i governi non hanno scelta.
La speranza è che i governi facciano il loro mestiere, che è di non accettare di essere privati della scelta.

Edward Luttwak (Economista – politologo) La vostra situazione fiscale nell'attuale sistema euro/europeo assolutamente non funziona.
Vi siete autocondannati ad una austerità che durera finchè dura l'Euro.

Nigel Farage (parlamentare europeo UK) Rivolto al direttivo europeo: "SIETE ASSASSINI DI DEMOCRAZIE. Cosa, in nome di Dio, vi dà il diritto di fare questo al popolo italiano? Se derubate i Popoli della loro identità e democrazia, rimarrà loro solo il nazionalismo e la violenza. Non voglio vivere in una Europa dominata dalla Germania.  I popoli devono riprendersi il controllo nazionale  sulla loro moneta e le loro economie. v. wikipedia chi è: Farage

Oskar Lafontaine (ex Ministro delle Finanze tedesco) “L’Euro é la causa della crisi economica in Europa e dobbiamo ripensarlo”. L’Euro e la politica di Austerity, a sua detta, sono i principali fattori che hanno causato la profonda crisi economica degli stati dell’Europa meridionale e non solo.

Pellegrino Capaldo «quel che stiamo facendo è sbagliato, drammaticamente sbagliato»  «che ci stiamo costruendo da soli una trappola mortale».
Paolo Savona Se non cambia in profondità l’euro diventa una trappola. Dire oggi che forse l’adesione all’euro è stata troppo frettolosa serve a ben poco, soprattutto se a gestire o solo suggerire che fare per uscire dalla “precipitazione” siano gli stessi autori o sostenitori della scelta non meditata.
Paul Krugman Paul Krugman   "Le politiche economiche di Mario Monti «hanno portato l'Italia nella depressione."
Luigi Zingales (economista) La crisi europea era premeditata (spoglio di Sovranità nazionali) e l’Euro in questo senso era un disegno criminale. (accettazione di governo europeo da nazioni indotte a gravissime crisi socio-economiche.)  v. wikipedia chi è: Zingales

Bruno Amoroso (docente universitario) Le tre grandi promesse della moneta unica – protezione dall’inflazione; protezione dalla speculazione finanziaria, e rafforzamento del processo di coesione sociale e terri-toriale dell’Unione europea, sono completamente fallite.   v. wikipedia chi è: Amoroso

Antonella Stirati (doc. economia La Sapienza)  Il problema di sottrarsi all'Euro si pone seriamente. Perché se si continua così l’economia va a gambe per aria. Quello che avrebbe senso se dovesse fallire l’euro è fare dei tentativi in una direzione simile all’America Latina.

Alberto Bagnai (economista) L'euro non è una moneta, ma un sistema di Governo. Il vero costo della politica sono le decisioni sbagliate.

 

Lidia Undiemi (economista) PD e PDL hanno già autorizzato 20 anni di austerità (insostenibile) proposti da Mario Monti durante il precedente governo tecnico in nome e per conto dell’Europa. Il Fiscal compact è illeggittimo.

Paolo Barnard "L'euro e la Ue? Un grande inganno per mettere gli Stati nazionali in mano alle Banche. L'euro è una trappola, l'Italia è vittima della finanza usuraia."

Mario Conte: (totalmente inesperto di economia) "La scacchiera europea oggi è un torneo tra Nazioni dirette da un arbitro che si sta mangiando sia le pedine che i giocatori"

Leave a Reply