realprosecco.it

Nuovi Autori di Marca: “Col seno di poi”, romanzo di Mariateresa Pagano

col_seno_di_poi Un nome nuovo nel panorama editoriale trevigiano, un opera prima, “un romanzo con tutte le carte in regola per avere successo“.   (Pubblicata la seconda opera: PRINCIPI AZZURRI)

Col seno di poi è il flusso di coscienza di Marinella, una giovane donna che dopo essersi rifatta il seno, pensando di fare pace col proprio corpo, non riesce a trovare quella serenità che tanto desidera. Una serie di disturbi psicosomatici la constringono a trascorrere il suo tempo in ospedale, un luogo difficile e particolare che le agevolerà la riflessione su se stessa, sulla sua vita, sulla bellezza, sull’amore. Lentamente, riuscendo a risalire alle vere cause, i sintomi del suo malessere si attenuano. Dimessa dall’ospedale, comincia ad assaporare una meravigliosa sensazione figlia di una significativa presa di coscienza: la sua vita è ricca e straordinaria nonchè piena di privilegi, affetti, esperienze… non mancherà però il colpo di scena!

 

 

 

 

mariateresa pagano trevisoScritto senza pensare che un giorno sarebbe stato pubblicato, questo romanzo è stato per la sua autrice una sorta di autoanalisi terapeutica, scritta con semplicità, naturalezza e un pizzico di ironia.
 
 
Mariateresa Pagano è nata nel 1970 a Treviso, dove vive. Si è laureata a Venezia in lingue e letterature straniere.
 
 
Ha insegnato inglese e ora insegna spagnolo in una scuola superiore della città.
 
 
Col seno di poi è la sua opera prima.
 

 

Da Literary, ecco la recensione a cura di Flavia Lepre – pubblicata su Radio Rai nr.7/2009

Assai raramente mi è capitato di leggere due volte il libro di cui dovevo scrivere la “nota critica”…

MT1Ma Col seno di poi di Maria Teresa Pagano, vi sono stata quasi costretta, per motivi che io stessa non sono in grado di spiegare, perché qui non si trattta di contestare un libro che ha tutte le carte in regola per avere successo, un libro che è scritto in prima persona perché la storia è vera e con un soggetto di reale attualità, che interessa una moltitudine di donne in tutto il mondo. L’argomento, che potrebbe sembrare irrilevante e di poco valore, ha oggi un’importanza da primo piano e coinvolge il campo della chirurgia plastica, oggi più che mai di moda. Basta pensare all’ultimo caso, eclatante che ha riguardato Cristina, una concorrente del Grande Fratello! Infatti molto se ne è parlato e penso che molto se ne parlerà ancora. Per quello che è il mio giudizio, sono perfettamente in grado di comprendere lo stato d’animo in cui vive una ragazza che mettendosi davanti allo specchio, si ritrova depredata di un elemento primario della sua femminilità, del completamento della sua bellezza fisica… Sono però contraria alle esagerazioni, ad una metamorfosi sproporzionata… E per essere sincera sino in fondo, devo dire che io, donna, per niente al mondo avrei costretto le mie naturali misure a subire cambiamenti… Non ho accettato nemmeno quando sono stata colpita dal cancro… Ho preferito restare mutilata!

Ma nel romanzo della Pagano, a causa della sua situazione familiare e delle sue tante intime problematiche, la storia si stacca nettamente da quella di Cristina, ragazza felice, che adora le sue nuove forme…

Con la protagonista de Col seno di poi invece, le cose sono diverse. E se ho fatto riferimento alla soddisfazione di un’altra ragazza, è perché questo mi è servito non solo come base introduttiva, ma anche per poter fare confronti ed essere così maggiormente in grado di addentrarmi in un discorso che, fermandomi a valutare l’abilità e la bravura della scrittrice, devo ammettere, con assoluta sincerità, che questo che lei ha scritto è un libro interessante, portato avanti con un rigore stilistico e con un gusto letterario assolutamente ineccepibile.

Forse, per me che non ho il computer perché forse non saprei usarlo, sono proprio i capitoli dove s’intrecciano discorsi tra sconosciuti quelli che mi lasciano un po’ fuori dal “coinvolgimento”… Ma la seconda lettura, diciamo che mi ha aperto alcune porte, per cui, attraverso questi “spezzoni” di discorsi, ho potuto meglio comprendere i problemi della protagonisti proprio perché ho potuto entrare nell’intimo mondo di Marinella, proprio attraverso le sparse notizie che captavo attraverso i casuali incontri tramite Internet.

Ho capito che il punto principale delle mie non poche perplessità, stavano proprio dentro il complicato stato d’animo di questa Marinella dalla doppia immagine e, forse, anche dalla doppia personalità. Stanca di essere scontenta del suo corpo, dove si nota troppo la mancanza di un bel seno, decide di “rifarselo”…Successivamente e forse a causa di alcuni disturbi che possono derivare da questo intervento, apparentemente riuscito bene e senza conseguenze, viene ricoverata all’ospedale, per accertamenti. Da tutto il suo comportamento, si evidenzia una specie di pentimento per l’operazione alla quale si è sottoposta e dalla quale, sembra chiaro che non ha tratto nessuna contentezza. Il seno che adesso può sfoggiare, non pare che le abbia apportato felicità e soddisfazione! Stranamente turbata da un’infinità d’intimi problemi, che io reputo, quasi con certezza, che siano di carattere esclusivamente psicologico, perché da tutto il suo dire, (cose dette appunto attraverso l’ausilio del computer), emerge la frattura che c’è, tra le aspirazioni, il desiderio di maggiori attenzioni da parte di sua madre, la realtà del corpo con una parte “rifatta”, quindi falsa, che non le appartiene e quel vuoto interiore dove la mancanza di un vero e grande amore, corredato da tutte le dolcezze che lo compongono, la fa star male, aumentando i dolori allo stomaco. E fin qui, tutto lo svolgimento della sua vita non ha ombre. La difficoltà a comprendere sino in fondo il motivo del suo essere infelice, per me comincia con questa sua permanenza all’ospedale per un male che non viene spiegato o, forse, non viene rilevato, per tutti quei “rapporti volanti” sul computer che non portano a niente di concreto.

Ed il libro inizia e finisce senza una vera e propria “fine”, ma con un Epilogo al quale, entro parentesi, si legge la parola “o prologo”, seguito da un punto interrogativo che lascia spazio a molte congetture. E così anch’io, dopo la seconda lettura, che in realtà non mi ha dato ulteriori e chiare spiegazioni chiarificatrici, anch’io metto fine a questo mio scritto, tenendo per me quanto ho potuto rilevare solo dai miei ragionamenti e non dai tanti “perché” dall’autrice lasciati in sospeso, anche se le ultime righe che contengono le sue sibilline parole, dicono tutto l’intimo travaglio che la tormenta. E non è da trascurare quanto lei stessa confessa, cioè la paura inconscia di fare luce negli angoli più cupi che l’hanno paralizzata… Fa cenno anche ai suoi quasi quarant’anni… Ma non parla di futuro.

Resto quindi dell’opinione che i mali d’anima siano quasi impossibili non solo da individuare, ma anche da curare, perché l’inconscio di ogni essere umano, è un abisso così profondo che nessuno potrà mai riuscire a portare in superficie i suoi segreti!

 

 

22 comments to Nuovi Autori di Marca: “Col seno di poi”, romanzo di Mariateresa Pagano

  • alice

    L’ho letto, mi è piaciuto, lo consiglio. Solo che ora sono ancora più indecisa se rifarmi o no il seno!

  • Aba Loat

    Uno dei libri che mi ha emozionato di più nei miei 51 anni.
    Ho trovato tutto ciò che una sensibilità femminile prova nell’arco di una vita. Scritto con semplicità ma grande maestria, arriva al cuore prima che alla testa. Complimenti all’autrice!

  • Melania Beraldo

    Per fortuna quel giorno in classe ci ha parlato del suo libro, se non lo avesse fatto avrei perso la possibilità di provare emozioni straordinarie…Non avevo mai letto un libro che mi facesse provare cosi tante emozioni e che allo stesso tempo mi facesse riflettere su molti aspetti della vita.
    Trovo che sia il libro che l’autrice siano unici !
    Personalmente Mariteresa Pagano la conosco da poco ma la ammiro molto.
    Penso che lei sia una donna piena di qualità ! !

    P.s. Scusatemi se il commento è così lungo, ma trovo che questa sia solo una piccola parte di quello che c’è da dire su questo libro e sull’autrice.

  • Victoria

    complimenti!!! ho aperto il libro per curiosità, ma ho letto ogni pagina, ogni frase, ogni parola come una affamata di letere! sicuramente,noi,le donne abbiamo nel cuore un ombra che ci fa sentire male e questo è il motivo per quale ci ritroviamo nascoste nei sentimenti di Marinella! è TUTTO BELLO ANCHE CIò CHE ORA NON SEMBRA!:)

  • daniela

    una scrittura scorrevole che ti accompagna nel mondo delle emozioni piu’ interiori che bisogna avere il coraggio di analizzare e fare emergere, un percorso che dura tutta la vita.
    Non e’ l’esteriorita’ che da’ un senso pieno alla vita, non e’ un seno rifatto che ti porta alla serenita’.

  • Elisa Spigariol

    Ho intenzione di leggerlo, Prof, sono una sua alunna!

  • Eleonora

    Ho letto il libro per condividere con un’amica non solo le emozioni del vivere ma anche quelle di un silenzioso raccoglimento solitario dove ho ritrovato la sua eleganza la sua spontaneità e l’insicurezza di essere donna, caratteristiche che accompagnano il mio essere. Grazie Terry per aver voluto condividere ed emozionare le tue lettrici.

  • giovanni

    Ho letto il libro quasi d’un fiato e, contrariamente a quanto potessi immaginare, mi è piaciuto nello stile semplice e ordinario, ma sopratutto per la sincerità e il coraggio dell’ autrice di guardarsi dentro e di fare il proprio autoritratto senza pudore ( es.: a pag. 28)… banale forse, ma l’incontro con l’ anima gemella ( cap 13 )è nella sua semplicità un pensiero che va dritto al cuore e ti fa desiderare di provare personalmente quella meravigliosa sensazione che dà senso all’ esistere.
    Consigliato a chi cerca qualcosa di autentico..

  • patrizia

    Leggendolo è come se ti avessi avuto di fronte… la tua semplicità e sensibilità sono tutte racchiuse in questo bel libro!

  • francesca

    Nelle parole di Mariateresa vengono espresse tutte le emozioni che ho provato nel corso della mia vita senza riuscire a descriverle come ha fatto lei magnificamente. Fantastico!

  • Alice Sartori

    28.09.2009

    “Ciao Maria Teresa, sto leggendo il tuo libro ed è una fantastica scoperta ogni pagina, ogni capitolo! Più ne leggo, più ne leggerei, più allo stesso tempo vorrei fermarmi per non doverlo finire! Vorrei avere una pagina al giorno dei tuoi pensieri che mi fanno veramente compagnia! Brava!”

  • Tiziana

    Un libro che mi ha entusiamata!
    Semplice ed al tempo stesso incisivo nel raccontare emozioni vere, nel descrivere situazioni coinvolgenti,nelle quali viene naturale potersi riconoscere..
    Complimenti a MariaTeresa

  • roberto

    assolutamente fantastico ! mi ero accostato alla sua lettura con una certa titubanza, convinto che fosse un libro prettamente al femminile….alla fine mi ha piacevolmente sorpreso e lo consiglio a tutti come esempio raro di lettura emozionale e sensibile.
    complimenti all’autrice

  • gigi

    Più che un commento, è una piccola lettera confidenziale.
    Ho comprato il tuo libro il giorno dopo la nostra fugace conoscenza, in occasione di una inaugurazione. L’ho letto tutto d’un fiato sabato pomeriggio, circondato dall’atmosfera ovattata e magica del paesaggio imbiancato. Sarà stato il “contorno” e la pace della giornata, che hanno reso più sensibile e ricettivo il mio animo, ma l’ho trovato toccante e mi ha commosso. Forse un pò condizionato dalla tua “prefazione” durante il buffet serale, ho scoperto Marinella: una donna fragile che ha avuto la forza ed il coraggio di riconoscere le proprie insicurezze,la paura del giudizio altrui, le sue barriere, per rinascere. Ha superato la tempesta ed è approdata nel Suo porto. Complimenti. Sereno Natale. Ciao Gigi.

  • Emanuela

    Spesso negli autori esordienti riesco a trovare una freschezza ed una spontaneità difficili da trovare negli scrittori professionisti: è come guardare e restare incantati dai disegni dei bambini!
    Leggere il tuo libro mi ha dato la stessa sensazione e mi ha fatto ritrovare la voce della Mary “vecchia amica” di un tempo…
    Complimenti e buon anno nuovo!
    Emanuela

  • Greta

    L’incontro con MariaTeresa è stato casuale e meno male che è successo! Un libro magnifico una sensibilità estrema ma razionale e reale. Complimenti! Dopo i primi 3 capitoli divorati ho dovuto centellinare il resto per non finirlo troppo presto! Grazie delle emozioni!

  • Elena

    Prof sto leggendo il suo libro.. veramente bello… molto semplice una lettura molto scorrevole…
    complimenti…

  • francesco

    complimenti prof continui cosi!! F.T 1D ss

  • Carmelo

    Non ho avuto ancora il piacere di leggere il libro……….ma ho avuto l’onore di conoscere Maria Teresa…….grande donna,grande amica,…….adesso comincio a leggere il libro.

  • Tiberia Pavan

    Col seno si poi:

    Bella l’introspezione, l’analisi interiore ed il percorso vissuto …
    Originale, ironica, ricca di immagini e di analogie.
    Capisci che la ricchezza non compra l’amore.
    Scritto bene. Lettura scorrevole e coinvolgente.
    Realistica la parte in cui si avverte la distanza tra la vita interiore, i sentimenti, le idee, e la vita esteriore, quello che di fatto siamo ed esterniamo agli altri.

  • BEATRICE DA FRE'

    DIVENTERA’ FAMOSA !!!!!!!!!!!!!

  • lisa da col

    ne sono sicura, sono d’accordo con beatrice. diventerà sicuramente famosissima e farà altri libri bellissimi come questi. complimenti veramente <3

Leave a Reply