realprosecco.it

Cipro quo

Cipro: rapporto tra conti bancari e PIL, 8 a 1, strano. O normale, se la discrezione delle banche Cipriote è apprezzata in molti altri Paesi, Russia inclusa. Ma con un PIL così scarso, l'unico modo per rifondere i debiti è di saccheggiare i conti correnti, meglio quelli corposi, per una decina di miliardi di Euro.

A queste condizioni, e su un altro "pagherò" firmato dai cittadini ciprioti, la BCE stampa sulla carta e "presta" altri 7 miliardi di Euro, per tirare avanti.

Punti di vista: a me sembra come ricorrere sempre allo stesso strozzino che ti ha finanziato  senza costi il debito iniziale, debito che tu devi restituire con interessi, per un totale di debiti e interessi che gli puoi restituire solo con Euro che solo lui ti potrà stampare a ciclostile e prestare. 

Oppure devi saccheggiare soldi che altri hanno preso a prestito come te sempre dallo stesso strozzino. Oppure dovrai cedere altra Sovranità e altri Beni Reali, sempre e solo allo stesso strozzino.

Grecia, Cipro, vediamo chi sarà il prossimo pollo. Il bello è che appena ti rendi conto di essere vittima di una truffa colossale ti danno del complottista: proprio un bel sistema questa Europa a microonde.

 

 

Leave a Reply